giovedì 5 febbraio 2009

Risposta ad un lettore

Purtroppo è così, caro Gian Piero ( è un lettore che ha postato un commento nel post precendete) la situazione è quella da te mostrata: noi parliamo di una cosa e Sindaco, Giunta e partito democratico ci rispondono con la solita zorfa, come la chiami te, e lo fanno tanto per cambiare discorso. Come cittadini, quali siamo, ci sentiamo in dovere di criticare per le cose fatte male sia questa amministrazione che è attualmente al governo, sia la minoranza presente in consiglio comunale che a parer nostro ha fatto poco per contrastare l’operato di questa giunta. Poiché siamo cittadini e non politici, ed è lecito per la costituzione,associarsi per condividere idee e progetti, vogliamo concretizzare quelli proposti con la nostra lista civica: creare una forma di governo apartitico che guardi ai reali bisogni di Ponsacco e dei suoi cittadini, proprio per evitare che idee buone, per lo sviluppo del paese, siano bocciate solo per ideali politici. Non ci fermiamo alle critiche, perchè sarebbe troppo semplice. Abbiamo fatto delle proposte ( basta leggere i numerosi post pubblicati sul nostro sito e consultabili dall'archivio) e ancora ne faremo.

Siamo felici di dire che la protezione civile e i vigili del fuoco funzionano bene e lo riconosciamo proprio perchè da questa struttura, che poi è fatta di persone, vediamo un servizio attivo, costante ed efficiente.

Il merito di tutto questo viene da lontanto, però, e da numerosi soggetti: dallo stesso Granchi ex Sindaco che inaugurò il primo distaccamento dei vigili del fuoco in via Palestrina, dall'attuale giunta che si è saputa imporre per la costituzione del centro intercomunale, ma soprattutto da quelle persone (i volontari) che hanno saputo superare i momenti difficili di quando le persone disposte a dare una mano alla protezione civile erano sempre meno e che sono andati avanti per la loro strada fino al risultato di oggi: un centro di eccellenza, non solo della Valdera.
Far prendere il merito di tutto questo successo all' amministrazione attuale mi sembra alquanto ipocrita, proprio perché senza le persone, i volontari del soccorso, quella struttura non servirebbe proprio a nulla e come dici tu Gian Piero, quel palazzo in via Perugia, sarebbe un inutile scatolone vuoto, fatto e messo lì a prendere un po' di polvere. Proprio nel rispetto dei volontari che giornalmente vi operano in modo del tutto gratuito, sarebbe opportuno che Sindaco e Giunta, qualche volta, si preoccupassero un po’ meno dello scatolone e un po’di più di coloro che dedicano il loro tempo per gli altri. Basta poco, anche un semplice grazie.
E noi, senza ipocrisia glielo diciamo: GRAZIE RAGAZZI.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Parole sante, ragazzi. Intanto il Cicarelli, ha preso una bella strigliata dal Simonelli, la sera dell'interrogazione sul commercio.
La gente gli parlava dei problemi e lui ha tirato fuori ancora una volta la protezione civile che pur essendo un servizio fondamentale per tutta la città e per la valdera non doveva essere tirata fuori dal cilindro tanto per parlare.
Anche io come cittadino voglio dire grazie a tutti i volontari del soccorso.
luca

bruno ha detto...

BUONASERA
leggendo i vari post dove si parla della bella struttura della protezione civile e dei vigili del fuoco volontari volevo fare e farvi una considerazione:
vi siete mai domandati che da circa 8 anni alla guida di tutti quei volontari c'e una persona che sa trascinare tanti tanti giovani e non mi riferisco agli amministratori.Anche a voi della lista civica vi consiglio di tenervi stretta in caso di vincIta quella persona perche quella scatola non si sa che fine farebbe.
Per questioni di rispetto non faccio il nome di quella persona a PONSACCO E CONOSCIUTO DA TUTTI

UN GRAZIE A TUTTI I VOLONTARI CHE PORTANO QUELLA STRUTTURA TRA LE PIU ORGANIZZATE IN TOSCANA

BRUNO BARSOTTI

Listarossoblu ha detto...

Grazie Bruno per la risposta. il pezzo che abbiamo scritto si rivolge proprio a la persona a cui ti riferisci e che anche noi non citiamo, almeno per adesso, per rispetto, dato che c'è chi dall'altra parte ( PD e PDL) ama strumentalizzare sempre e comunque.
E' a lui e a tutti i volontari che diciamo grazie proprio perchè un gruppo di 60 persone ha bisogno di una guida che non stia semplicemente dietro una scrivania a fare il burocrate ma che sia invece, sempre presente quando i suoi ragazzi hanno bisogno.

Anonimo ha detto...

A proposito di promesse mancate:
Nasce a Ponsacco una nuova realtà associativa dal nome " RossoBlu"

L'associazione culturale denominata " RossoBlu" come i colori della comunità Ponsacchina, non persegue alcuna finalità di lucro. Nasce per volontà di un gruppo di giovani nati nell'83 e non solo residenti a Ponsacco ( alcuni a Pontedera e Peccioli) e promuove la partecipazione attiva dei cittadini ed in particolar modo dei giovani, nella vita amministrativa della propria comunità.
Vuole favorire la sussidiarietà sociale, in linea con la nuova legge regionale sulla partecipazione.
Vuole far emergere le capacità dei giovani lauereati nelle varie materie tecnico scientifiche, giuridico economiche attraverso la partecipazione alla stessa associazione. Propone idee di sviluppo del territorio attraverso l'istituzione di commissioni interne volte all'analisi delle problematiche del territorio sui seguenti temi: ambiente, infrastrutture, energia e sviluppo tecnologico, salute, sicurezza urbana e politiche sociali, per la famiglia, per la casa e per i giovani.
Propone alle amministrazioni competenti i risultati delle commissioni e le eventuali proposte ( valutate da un punto di vista tecnico scientifico ed economico) per una eventuale applicazione sul territorio.
Propone: Dibattiti pubblici sulle grandi opere, tavole rotonde e conferenze da svolgere sul territorio, sulle tematiche sopra esposte e con la partecipazione di esponenti di rilieievo del mondo tecnico scientifico, di quello universitario e di ricerca.

La presentazione dell'associazione alla cittadinanza, alle autorità e alla stampa avverrà mercoledi 2 luglio ore 21.30 presso La sala Valli, piazza Valli nel Comune di Ponsacco.
Sarà presente il sindaco di Ponsacco dott. Alessandro Cicarelli (previsto un suo intervento), gli amministratori locali e le autorità religiose e militari e le principali realtà associative della comunità di Ponsacco.

E' previsto un intervento di circa 40 minuti da parte del Presidente dell'Associazione "Rossoblu"
Ultima parte riservata ad eventuali domande dei giornalisti presenti: La Nazione, Il Tirreno, Il Ponte di Sacco, Agenzia Ansa Firenze.

Dove sono finiti i dibattiti pubblici, le tavole rotonde, le conferenza con le personalità del mondo accademico... le proposte alle amministrazioni per le applicazioni delle vostre proposte...

Listarossoblu ha detto...

L'associazione rossoblu, nasce come, l'anonimo scrive, per favorire la partecipazione dei giovani nella vita sociale e amministrativa del paese e promuovere idee di sviluppo.
Bene, l'associazione è una cosa ben distinta dalla lista civica che nasce come costola o spin off, per usare un termine che piace tanto all'amministrazione, proprio perchè per consentire la partecipazione dei giovani nella vita amministrativa, i soci hanno dciso di partire dal consiglio comunale, attraverso un progetto di lista apartitica. 1) obiettivo che stiamo concretizzando.
Esistono delle commissioni tecniche, interne all'associazione, che lavorano per fare delle proposte che vengono riprese dalla lista civica e dal comitato per concretizzarle e portarle a conoscenza della gente, visto che l'amministrazione è sorda alle nostre proposte.
L'idea di costituire una filiera corta, quella dei parcheggi rosa per le donne, quello delle innovazioni in ambito ambientale e energetico, della sensibilizzazioni dei temi ambientali, la viabilità con l'analisi delle rotatorie, sono tutte proposte dell'associazione.
Associazione che ha richiesto ufficialmente ( attraverso lettera protocollata) l'intervento del Sindaco su questioni delicate come quelle della sicurezza. Sarà infatti passata sulla scrivania del Cicarelli la lettera con il logo dell'associazione e non della lista, con cui si chiede al primo cittadino e forze dell'ordine, di garantire la sicurezza nella zona poste.
Per quanto riguarda il mondo accademico, l'associazione ha partecipato a diversi convegni:quello sulla viabilità svoltasi a san piero a grado e organizzata dal centro Enrico Avanzi, quello sulle politiche sociali svoltosi al centro piaggio lo scorso anno, quello sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, organizzata dalla facoltà di ingegneria di Pisa. Per il 2009 parteciperemo alla fiera di reggio emilia "ecocasa" sull'innovazione energetica, tema molto caro sia all'associazione che alla lista rossoblu.
I fatti parlano da soliI fatti parlano da soli. A strumentalizzare non è né l’associazione, tantomeno la lista civica.

Anonimo ha detto...

A proposito di cose fatte e promesse mantenute.
La RSA doveva essere già pronta da un bel po', il parco il sorriso al cavo doveva essere un luogo per le associzioni, dove queste avrebbero dovuto fare iniziative varie già dallo scorso anno, invece è tutto all'abbandono, tanto che, giornale alla mano si legge che c'erano: pneumatici e amianto.
Il terzo lotto aperto, ok, ben fatto. Il Comune aveva detto: entro 10 giorni apriremo anche via Italia. Nulla di fatto, i camion passano ancora in centro e per via traversa livornese.

Ale ha detto...

salve, io è la prima volta che scrivo su questo sito... sinceramente non posso dire di essere daccordo in tutto con quello che dite, però credo che la base da cui partite è buona, nel senso che avete trovato un periodo abbastanza fertile per proporre l'idea di una lista civica completamente apartitica e trasversale, dato che vi conosco tutti e so che siete tutti nuovi alla politica, e non credo che è un difetto. fatto sta che qui malcontent ce n'è parecchio, ne parlavo proprio stamani con un altro ponsacchino alla Coop. io voglio dirvi di continuare così, nonostante le critiche che vi fanno anche in paese quelli del partito; piuttosto mi garberebbe sapere perchè fate così tanto parlare voi e no quelli del Pdl: infondo non si sa nè il vostro nè il loro candidato sindaco.
comunque sono contento che qualcuno si sia mosso per fare qualcosa...la mi mamma diceva sempre "chi non fa non falla"
Saluti
Alessandro G.

Piero ha detto...

Mi sa che la seggiola inizia a tremare, altrimenti non si spiegherebbero tutte queste critiche. Se la gente inizia a capire che non c'è bisogno a livello di Comune del partito, mi sa che quelli che ci sono stati fino ad ora dovranno iniziare ad andare a lavorare veramente.

listarossoblu ha detto...

Ci fa piacere che ci siano sempre nuove persone che non solo leggono i post ma partecipano attivamente alla vita del blog; per il resto concordiamo in pieno con Ale; non pretendiamo di essere i possessori della verità nè che le nostre proposte siano sempre condivisibili; però i problemi ci sono, li viviamo come cittadini, la gente se ne lamenta ed è quindi giusto evidenziarli. Gli incontri che faremo da qui in avanti serviranno proprio a questo; a raccogliere opinioni, punti di vista, segnalazioni. Noi non abbiamo alle spalle un partito, non saremmo nessuno senza la gente; non abbiamo la pretesa di diventare politici a tempo pieno, vogliamo solo un paese nel quale la gente sia contenta di vivere; si senta considerata e ascoltata, perchè, se qualcuno non l'avesse capito, è la gente che designa chi la deve governare e dunque il cittadino è il datore di lavoro degli amministratori, quello che li giudica per quello che fannoe per quello che non fanno, per le scelte giuste e per quelle sbagliate. Per quanto riguarda il PdL, noi lo critichiamo così come il PD. Abbiamo passato una legislatura ad aspettare che qualcuno desse voce a chi si lamentava, ma non abbiamo sentito la loro voce che poche volte; tra l'altro puoi notere che anche il PD non cita quasi mai il PdL, ma attacca sempre e soltanto noi; e questo vorrà certamente dire qualcosa...

Anonimo ha detto...

Qualcuno si preoccupa per i Fondi Europei perchè a sentito ventilare che potrebbero essere tolti ai Comuni e usati per finanziare la cassa integrazione.
Se lui conosce altri fonti bene lo dica, io li userei comunque per dare un paracadute a tutti coloro e sono tanti che non hanno neppure la cassa integrazione e che rischiano seriamente di rimanere senza lavoro
Se poi la "Casa del Fascio" non si potesse ultimare di fronte allo scenario che si prospetta non la vedo tragica come lui, verranno pure tempi migliori

Gaia ha detto...

Spero che possiate concretizzare il vostro progetto. Quelle che amministrano oggi, sono persone che non sanno parlare con noi cittadini e rispondono alle nostre richieste con un semplice " me lo segno" che significa non faò nulla.
Intanto mentre pd parla di costituzione, pdl è desaparecidos, ho trovato la mia auto sotto casa, in viale primo maggio sgraffiata.
Però ai nostri amministratori non interessa perchè a loro piace fare i politici e discutere sui massimi sistemi dell'universo.

Anonimo ha detto...

Vi siete accorti che un altro negozio nel corso ha messo la parola fine alla sua attività? C'è ancora il materiale invenduto dentro, ma i proprietari mi hanno detto che ormai la frittata è fatta.
Quante volte gli assessori sono passati da quel negozio o da altri in difficoltà per sapere se andava tutto bene, oppure c'erano dei problemi?
Non basta andare all'inaugurazione.