sabato 19 gennaio 2019

Via Rospicciano. Emessa una ordinanza anti degrado.

Torniamo a parlare dell'immobile di Via Rospicciano dopo le strumentalizzazioni della Lega di Ponsacco che continua ad utilizzare la pagina Facebook di Sei di Ponsacco se... come strumento di propaganda politica. 

Ecco che cosa è successo in verità. Il 15 Gennaio il Tribunale di Pisa ha nominato "l'Istituto Vendite Giudiziarie", quale custode dell'immobile; si tratta di un  passaggio importante  perchè per lungo tempo è mancato un soggetto interlocutorio a cui destinare un provvedimento per la messa in sicurezza dell'immobile.
Il 17 Gennaio, a nomina avvenuta Sindaco ha potuto emettere  una ordinanza sindacale contro la proprietà e lo stesso custode,  per  richiedere la messa in sicurezza dell'edificio: verifica degli impianti, rimozione dei rifiuti, interdizione dell'accesso ai sotterranei.
L'edificio di via Rospicciano è da anni al centro dell'attenzione a causa  che è stato al centro del lungo contenzioso  che ha coinvolto  in giudizio anche l'ex Sindaco Cicarelli ed alcuni tecnici comunali che finalmente sono stati tutti assolti. Questo è un fatto importantissimo che toglie ogni ombra sull'operato dei dipendenti comunali e dell'ex Sindaco. Per anni sulla vicenda le opposizioni di centro destra hanno strumentalizzato, chiedendo addirittura le dimissioni di Cicarelli.  La lega, che a Ponsacco punta all'unità del centro destra, può non sapere della vicenda che ha contraddistinto in tutti questi anni il palazzo di Via Rospicciano? Non ci pare, che da parte degli esponenti leghisti di Ponsacco sia venuta una sola parola sulla vicenda giudiziaria.  Raccontando ciò che politicamente gli fa più comodo,vogliono prendersi quale merito??  Dicono che vogliono liberare Ponsacco, ma da chi? Da un'amministrazione che ha sempre agito in piena correttezza e nell'interesse dei cittadini?
Troppo facile, cari leghisti, guardare solo cosa vi fa  più comodo e tacere sulla Futura Immobiliare e su tutta ciò che è successo in questi anni, tacciando  il Comune di immobilismo.






venerdì 11 gennaio 2019

Volantinaggio Rossoblù su Fucini

Questa mattina, come Lista Rossoblu abbiamo distribuito volantini informativi ai genitori dei bambini della Scuola Fucini, che svolgono lezione nei moduli prefabbricati. Lo abbiamo fatto per spiegare loro che cosa sta accadendo con la nuova Scuola (qualora non ne fossero informati), ma anche  per difendere un progetto che va nell'interesse di tutta la comunità e che non può essere bloccato per interessi politici da campagna elettorale. Abbiamo parlato con alcuni genitori che si sono dimostrati interessati ed anche convinti che la nuova scuola debba essere costruita nel più breve tempo possibile. Ne siamo convinti anche noi e per questo continueremo a difendere la scelta dell'Amministrazione Comunale.

venerdì 4 gennaio 2019

LEGA E 5 STELLE CONTRO LA NUOVA SCUOLA. E POI DICONO DI VOLER BENE A PONSACCO?


Vogliono bloccare ad ogni costo la costruzione della nuova Scuola Fucini e le stanno provando di tutte: minacciano denunce, organizzano flash mob,  arrivano persino ad invocare l'aiuto di Vittorio Sgarbi.
  C'è chi usa la pagina facebook " sei di ponsacco se...." che era nata solo per ricordare aneddoti di Ponsacco e per ridere della nostra ponsacchinità, postando un video dove appunto si attacca l'amministrazione comunale. Dispiace constatare che  oggi quella pagina sia amministrata da esponenti della Lega che la usano come strumento di propaganda politica.  Ci ricordiamo, però, che in passato su " sei di Ponsacco se...." non si è mai potuto parlare di politica e che per molto meno, alcune persone furono, addirittura cacciate. Ma il tema su cui discutere è un altro: come mai  questo accanimento contro la nuova  Scuola?
Una scuola che avrà aule più grandi e funzionali, con laboratori (oggi assenti) e spazi per attività didattiche multidisciplinari, rispondendo così ai bisogni della comunità scolastica di Ponsacco.  Un edificio, progettato nel rispetto dei pi' alti standars ad energetici (a proposito  ma i 5 stelle non erano per lo sviluppo sostenibile?) , tanto da ottenere più di 400 mila euro di finanziamento dal GSE.
 Una Scuola  completamente nuova che (quanti anni sono che Ponsacco non vede una scuola del tutto nuova??), che una volta terminata, consentirà, in primo luogo di superare l'emergenza che si è creata con la chiusura del plesso Fucini. Ricordiamo, per la cronaca che la scuola è stata chiusa per problemi STATICI e quindi per garantire la sicurezza di chi la frequenta. Ricordiamo anche, per chi non lo sapesse che  per garantire continuità didattica sono stati realizzate delle aule prefabbricate;  Lega e 5 Stelle, quanto ancora vogliono far rimanere i bambini in quelle strutture ? Perché, cercano di bloccare la nuova, opera che tra l'altro ha ottenuto finanziamenti statali e regionali ?  Cosa c'è dietro ?
Chi dice di voler bene a Ponsacco, come può ostacolare, con ogni mezzo, la costruzione di una nuova Scuola, la cui realizzazione andrà a beneficio di tutti, in primis dei bambini?

venerdì 28 dicembre 2018

Volontariato ultra tassato?

L'ultima malefatta di questo Governo che ha però, annunciato di voler fare  subito retro marcia (dopo la levata di scudi delle associazioni di volontariato) è stata quella di raddoppiare la tassazione per le associazioni di volontariato equiparandole, di fatto, ad imprese che fanno del profitto.
Unanime la condanna di tutte le principali associazioni no profit del settore  socio sanitario, dalle Misericordie alle Anpas, perché a rischio sono molti servizi di base svolte, giornalmente,  da queste associazioni che spesso sopperiscono alle mancanze dello Stato e si trovano ad intervenire a difesa delle fasce più deboli.
Che cosa accadrebbe, se, anche per un solo giorno si  fermasse il volontariato? Lo domanda Giacomo Brogi coordinatore della lista Civica Rossoblu di Ponsacco "  l'Italia entrerebbe nel caos, perché il servizio socio sanitario si basa sul volontariato, dal trasporto sociale alle emergenze sanitarie, fino alla protezione civile".

Continua Brogi " i volontari sempre pronti a dare una mano al prossimo, rappresentano, con le loro associazioni una risorsa, che non deve essere penalizzata, ma anzi incentivata.
I volontari sono un'asse portante della vita sociale dell'intera nazione, spesso addirittura si sostituiscono a ciò che dovrebbe fare lo Stato. Come lista Rossoblu, ci auguriamo che il Governo faccia  davvero una marcia indietro, per evitare questo danno immane e se così non sarà saremo a fianco delle associazioni di volontariato.
Giacomo Brogi

domenica 23 dicembre 2018

Sgombero rom di Navacchio. L'allarme del sindaco Brogi

Pubblichiamo il comunicato del Sindaco Francesca Brogi; una  denuncia sulla politica scellerata della Lega che per risolvere i propri problemi, li sposta sui Comuni vicini. 

Care cittadine e cari cittadini di Ponsacco,
Dovete sapere ciò che sta accadendo. Dovete sapere che a causa della gestione scellerata di chi ama farsi foto ruspanti, a venire penalizzati potrebbero essere proprio i territori vicini. E’ già successo nel caso della chiusura della Tinaia (centro di accoglienza di migranti a Cascina), rischia di ripetersi oggi con lo sgombero del campo rom di Navacchio. La sindaca Ceccardi che brinda alla vittoria e i Comuni limitrofi a subirne le conseguenze. Proprio ieri infatti sono stata avvertita dalla stazione dei Carabinieri di Ponsacco sul possibile trasferimento di alcune famiglie di quel campo (di cui ancora non conosciamo il numero) nel nostro Comune. Il rischio è che si crei una ghettizzazione sul nostro territorio, fonte di possibile disordine e tensioni sociali. Ce lo dicono le stesse Forze dell’Ordine, gravemente preoccupate per questa situazione per noi inaccettabile. Noi siamo contro i ghetti. Lo dico con forza: noi siamo contro i ghetti e combatteremo chiunque li crei con politiche pericolose che mirano soltanto a fare lo scarica barile da un comune a un altro.
Mi domando infatti quale sia la logica che porta a sgomberare un campo rom senza preoccuparsi minimamente della ricollocazione delle famiglie che lo abitano. Una buona uscita di 500 euro a persona che costerà ai cittadini diversi soldi pubblici, investiti in una soluzione irresponsabile e non risolutiva. Vorrebbero raccontare la storiella che il campo non c’è più perché sono arrivate finalmente le ruspe leghiste, salvo poi scoprire che queste persone da qualche parte dovranno pur andare.
Vorrei sapere cosa ne pensa il Prefetto. Sarebbe questa l’attuazione del famoso decreto sicurezza? Come Sindaco mi rivolgo direttamente alla Prefettura e a tutti gli organi competenti affinché blocchino immediatamente questa operazione. E’ inaccettabile una gestione del problema che prescinde da qualsiasi coordinamento istituzionale e che scavalca completamente i comuni e le forze dell'ordine. Cara sindaca Ceccardi, mi chiedo a che cosa stia brindando e la richiamo al suo ruolo istituzionale. La ruspa la utilizzi per costruire le scuole, non per scaricare problemi sui comuni vicini. A casa mia i problemi si risolvono non si spostano.

Francesca Brogi

mercoledì 19 dicembre 2018

Nuovo giardino a le Melorie

Le Melorie avranno il loro giardino pubblico!
Questo è il prossimo cantiere a cui si aggiungerà anche quello per la costruzione dell'area sgambatura per cani al Parco Urbano. Sempre alla Melorie sono in programma altri lavori nel 2019 come la realizzazione dell'illuminazione in v. de le Melorie e la sistemazione di alcuni marciapiedi oltre l'importante intervento di sistemazione di v. Colombo. Tutti questi interventi si aggiungono a quelli già realizzati a le Melorie come la Tendostruttura, l'ampliamento della Farmacia Comunale, la sistemazione della pista ciclabile di v. di Gello.
Di sicuro sono tutte opere necessarie ad una migliore fruizione degli spazi pubblici urbani, molte delle quali in più restituiscono socialità a livello di frazione sia per i bambini che per le famiglie.
La particolarità dei giardini alle Melorie è che tutto l'arredo urbano e i giochi sono fatti in plastica riciclata, come le panchine della pista ciclabile e del Parco urbano e come le rastrelliere e cestini della differenziata e per le deiezione dei cani, sparsi su tutto il territorio comunale.
Il tutto è un esempio di economia circolare, perché la plastica con cui sono fatte tutte queste attrezzature di arredo urbano sono la plastica riciclata della nostra quotidiana raccolta differenziata e non la plastica proveniente dalla estrazione di risorse naturali in giro per il mondo.
Sono tutti esempi concreti di sostenibiltà ambientale

.
Giacomo Brogi

venerdì 30 novembre 2018

Nuova mozione sullo spandimento Fanghi

La vicenda sullo spandimento dei fanghi in agricoltura negli ultimi tempi sta raggiungendo dei livelli tanto assurdi quanto pericolosi per l'agricoltura stessa, l'ambiente e la nostra salute.
Il tutto verte sui limiti di idrocarburi accettabili e la presenza di altre sostanze, nei fanghi di depurazione civili.
Dalle ben note vicende giudiziarie della Valdera ancora in corso, siamo giunti alla decretazione di urgenza del Governo, dove la necessità di risolvere urgentemente il disastro di Genova cozza con il problema della gestione dei fanghi da depurazione degli scarichi civili sulla cui disciplina, tendente in teoria a tutelare l'ambiente e la salute di tutti, c'è da mesi una battaglia a colpi di sentenze, e ora norme di urgenza dello Stato. 
Noi Rossoblu abbiamo presentato "La Mozione per il Divieto dello Spandimento dei Fanghi da depurazione sul territorio comunale" già il 24 gennaio 2017, approvata dal Consiglio comunale il 31 luglio dello stesso anno. Nei mesi successivi il Tar della Lombardia ha vietato lo spandimento dei fanghi sui terreni agricoli e stabilito che debbano essere trattati in centri specializzati e inviati ad incenerimento.
Ebbene con il "Decreto Genova" sono stati innalzati di 20 volte i limiti fissati in precedenza da una sentenza della Corte di Cassazione, da 50mg/Kg a 1000mg/Kg!!!
Il decreto è stato convertito in legge approvando un emendamento presentato da M5S e Lega con cui si consente di spandere nei campi anche i fanghi contenenti livelli alti di DIOSSINE, PCB, CROMO, ARSENICO, ovvero tutte sostanze CANCEROGENE, provenienti da processi industriali, che non dovrebbero assolutamente essere mescolate con i fanghi di tipo civile.

Per questo il 28 di questo mese in Consiglio comunale noi Rossoblu abbiamo presentato una nuova mozione sui fanghi, con cui chiediamo al Parlamento di modificare la legge ormai in vigore. In sostanza abbiamo chiesto, che ci sia una riduzione drastica del livello degli idrocarburi, che debba essere vietato lo spandimento dei fanghi finché non ci siano sistemi di trattamento che ne consentano la totale depurazione, che debba essere abbandonato l'attuale sistema delle autorizzazioni allo spandimento basato sull'autocertificazione, in favore, invece, di un sistema di controllo sulla qualità  e non nocività effettiva degli spandimenti.
La mozione è stata votata a maggioranza con il voto contrario ed assurdo dei 5 stelle, l'astensione di Fratelli d'Italia e di Ponsacco Nova, assente Forza Italia.
Il voto contrario dei 5 stelle e l'astensione del resto dell'opposizione ci rammarica visto che la prima mozione nel 2017 detta prima "Ponsacco Fanghi Free" fu votata all'unanimità.
 
Dal 24 gennaio 2017 è passato più di un anno e al Governo ci sono Lega e 5 Stelle, il Governo del Cambiamento, e quindi è comprensibile che Fratelli D'Italia ed i 5 stelle Ponsacchini, non vogliano mettersi contro la Lega (con cui Fratelli d'Italia a Ponsacco vuole fare un'alleanza) ed il Governo.

Hanno Ragione a parlare di Governo del Cambiamento, visto che cambiano idea spesso.
Giacomo Brogi